Per emergenze contattate il numero 335 6144290.
Seleziona una pagina

Rimuovere dei nevi atipici, specie in fase preventiva, può aiutare ad evitare l’insorgere di patologie più gravi

In questo articolo il Dott. Mario Merlino ci spiegherà come funziona la rimozione dei nevi atipici e vedremo l’importanza della prevenzione in queste circostanze.

Come si rimuovono i nevi atipici

La rimozione del nevo atipico avviene necessariamente tramite intervento chirurgico, praticato in regime ambulatoriale con una semplice anestesia locale. Il chirurgo asporta il neo in maniera radicale, una losanga di pelle che comprenda il nevo ed il tessuto sottocutaneo per 2 o 3 mm.

Il medico esaminerà la losanga in seguito. Nel frattempo, l’intervento chirurgico si conclude con una sutura con fili, che saranno rimossi dopo una decina di giorni circa. Generalmente, il decorso post operatorio è indolore e il paziente potrà tornare a compiere le normali attività, evitando di sfregare eccessivamente l’area interessata.

L’importanza della prevenzione

È importante fare delle visite di controllo dermatologiche, in cui potranno essere evidenziati eventuali fattori di rischio. Durante la visita potrebbe avvenire la diagnosi di melanoma nelle sue fasi iniziali. Al paziente si consiglia di svolgere un’auto-esame della propria pelle, controllando le eventuali modifiche delle caratteristiche di un nevo o la comparsa di una lesione pigmentata. Ogni lesione dichiarata sospetta dal dermatologo, si dovrà asportare chirurgicamente.

La chirurgia di prevenzione risulterà importante per evitare che un nevo diventi un melanoma o, più precisamente, che questo possa espandersi ed arrivare ad un punto difficilmente contrastabile.

È proprio per questo motivo che si realizza un esame alla losanga di tessuto asportato. Nel migliore dei casi, infatti, il nevo è solo un nevo e il processo termina qui. Ma nei casi in cui l’esame istologico dovesse portare alla luce una trasformazione in melanoma, l’ampiezza e l’integrità dei margini di resezione, saranno la garanzia che l’intervento è stato praticato in maniera radicale.

Per ulteriori chiarimenti non esitare a contattarmi. Insieme visioneremo il tuo nevo sospetto e nel caso decideremo se procedere all’asportazione.