Per emergenze contattate il numero 335 6144290.
Seleziona una pagina

Il lifting è solitamente un trattamento di natura chirurgica che serve per rimodellare un viso per renderlo più giovane e in salute. Se però si volesse ricorrere ad un trattamento meno invasivo la soluzione è semplice: il lifting viso non chirurgico.

Il lifting viso non chirurgico è un trattamento mininvasivo sempre con l’obiettivo di migliorare l’aspetto di rughe e linee di espressione presenti sul volto.

Continuando a leggere l’articolo di oggi del Dott. Mario Merlino scoprirete non solo di cosa si tratta ma anche quali sono le differenze da quello chirurgico.

Che cos’è il lifting al viso non chirurgico

Non esiste un trattamento unico di lifting al viso non chirurgico, bensì ne esistono diverse (che vedremo a breve) ognuna con le sue caratteristiche. Quasi tutte le procedure richiedono pochi minuti d’intervento e sono praticamente indolore. A differenza del lifting chirurgico, poi, il postoperatorio è minimo con una corta convalescenza. Sono particolarmente adatti a pazienti più giovani, dai 40 ai 60 anni d’età. Questi trattamenti hanno anche un costo relativamente basso.

Come avviene questo trattamento?

Alcune tipologie di lifting non chirurgico sono:

  • Lifting con Thermage: per questo trattamento il collagene presente negli strati profondi della pelle viene riscaldato, in questo modo viene stimolata la produzione di nuove cellule cutanee e del tessuto sottostante. La procedura dura solo 15 minuti circa e i risultati in genere durano 1-2 anni ma il volto, nonostante questo, migliora nel tempo con la formazione di nuovo collagene.
  • Lifting del vampiro: noto anche come lifting al plasma e ricco di piastrine (PRP), prevede che le piastrine vengano raccolte dal sangue del paziente per poi essere iniettate nelle aree più segnate della cute. Le piastrine, infatti, rilasciano fattori di crescita che favoriscono la produzione di collagene donando un aspetto più giovanile alla pelle. La procedura qui è più lunga e dura circa un’ora. I risultati sono visibili solo a partire dalle settimane successive. Non è però un trattamento adatto alle persone affette da alcune malattie del sangue, come ipofibrinogenemia e sepsi, oppure da malattie del fegato.
  • Lifting con laser: In questo trattamento il laser viene impiegato per rimuovere porzioni di pelle uno strato alla volta.
  • Lifting con siero: si tratta di una soluzione cremosa che viene applicata sul viso per tonificare e rassodare la pelle. In questo modo, la presenza di rughe viene notevolmente ridotta. La durata è minima, fino a otto ore, ma esistono anche prodotti pensati per garantire risultati più duraturi.

Per avere maggiori consigli o capire quale lifting al viso senza chirurgia sia adatto alla tua situazione contatta il Dott. Mario Merlino